Menu

Francesco Chiamulera: “Mondo culturale troppo timido verso i Mondiali”

Pubblicato il 21 dicembre 2015 in Turismo

Francesco Chiamulera  

CORTINA D’AMPEZZO – «Sui Mondiali, il mondo della cultura deve ancora scaldare i muscoli». Perché sì, qualche intervento c’è stato, e qualcuno «ha già manifestato ottimismo, sull’importanza e sull’esito della manifestazione», ma di questi tempi «mancano personaggi pubblici di grande levatura che, sull’esempio di figure scomparse come Indro Montanelli, Pietro Barilla e Leonardo Mondadori, spendano il proprio prestigio personale per dare voce a Cortina. Si sente la mancanza del patronage di uomini illustri». Pertanto l’atteggiamento della cultura verso i Mondiali di sci alpino 2021 è «ancora troppo attendista». Parola di Francesco Chiamulera, giovane organizzatore di “Una montagna di libri” (presidenti onorari Vera Slepoj e Alberto Sinigaglia), kermesse di incontri con l’autore giunta alla XXII edizione.

“Una montagna di libri”: tanti grandi nomi portati in questi anni

In cartellone, solo per fine dicembre, nomi di peso come Gianluigi Nuzzi, Bruno Vespa, Vittorio Feltri, Filippo Facci. La cultura, da sei anni a questa parte, ha preso la strada che porta in montagna, a Cortina d’Ampezzo. Nelle scorse edizioni, sono sbarcati pezzi da Novanta come Peter Cameron, Sandro Veronesi, Mogol, Emmanuel Carrère, Serge Latouche, Boris Pahor, Pietro Citati, Michael Jakob.

Marco de’ Francesco

Related Post

Puoi leggere anche

Copyright © 2016 CortinaSki2021 | Media Accelerator | Partita IVA: 02906890211Policy Privacy e Cookie