Menu

Tassa di soggiorno: dal 2017 l’80% andrà alla Fondazione Cortina 2021

Pubblicato il 21 dicembre 2015 in Turismo

Cortina dall'alto  
CORTINA D’AMPEZZO

In fondo, una tassa del genere è già stata introdotta dai principali competitor della Regina delle Dolomiti, in Svizzera, Austria e Alto Adige. E a Cortina, c’è una ragione in più: per il 2016 gli introiti andranno per l’80% a Cortina Marketing (il braccio operativo di Se.Am, società partecipata del Comune, che si occupa di turismo) e per il 20% alla Fondazione Cortina 2021, l’ente che si occuperà di tutti gli aspetti organizzativi dei Mondiali di Sci. Nel 2017 sarà il contrario: l’80% andrà alla Fondazione, il 20% a Cortina Marketing. Si conta di incassare più di un milione di euro all’anno. Perché quando si organizza un evento come quello del 2021, servono risorse. La novità è che l’Ufficio Tributi ha messo a disposizione degli operatori, qualche giorno fa, la modulistica e le istruzioni per il pagamento dell’imposta di soggiorno. Basta aprire il sito web del Comune, tra le notizie in primo piano, e si trova tutto.

Il Sindaco Franceschi: “Necessario adottare questo provvedimento”

Le tariffe erano state approvate in Giunta venti giorni fa, e l’imposta sarà applicata dal primo gennaio 2016. In pratica, i turisti pagheranno un euro al giorno per l’extra alberghiero; 1,5 euro per hotel a due stelle; 2 per i tre stelle, 2,5 per i quattro stelle e 3 per i 5 stelle. «Per non dover mettere le mani nelle tasche dei cittadini, per non dover ridurre il livello dei servizi offerti, ma anche per poter competere con altre località simili alla nostra, si è reso necessario adottare questo provvedimento — ha affermato giorni fa il primo cittadino di Cortina Andrea Franceschi —. Abbiamo scelto la soluzione più semplice e che possa garantire cifre coerenti con quelle introdotte dai competitor». Tra l’altro, sul sito si legge che «l’imposta è dovuta per persona e per ogni pernottamento, fino ad un massimo di 15 pernottamenti consecutivi»; che «il gestore della struttura ricettiva dichiara, entro il giorno 15 del mese successivo al trimestre di riferimento, il numero di pernottamenti, utilizzando un modulo predisposto dall’amministrazione comunale»; e che «la dichiarazione deve essere compilata e presentata anche nell’ipotesi in cui non vi siano stati pernottamenti».

Marco de’ Francesco

Related Post

Puoi leggere anche

Copyright © 2016 CortinaSki2021 | Media Accelerator | Partita IVA: 02906890211Policy Privacy e Cookie