Menu

Carta di Cortina: alla costruzione di un turismo sostenibile

Pubblicato il 21 febbraio 2016 in Cronaca

Cortina  

Non solo principi e valori, per la Carta di Cortina, ma anche contenuti. Sostanza. Soprattutto dopo l’incontro di ieri l’altro al ministero dell’Ambiente, a Roma.  Si è stabilito che i firmatari dovranno occuparsi da una parte dell’analisi delle risorse naturali, dall’altra dello sviluppo di un turismo sostenibile, che tenga anche conto dei flussi in alta stagione. Peraltro, è stato conferito grande rilievo all’ideazione di progetti di recupero alimentare a fini solidali con il coinvolgimento di tutte le categorie locali e di prevenzione degli sprechi in ogni ambito organizzativo. A tal fine, già la prossima estate saranno pianificate iniziative; quanto alle attività informative, inizieranno al più presto.  Dalla riunione è emerso che il ministero sosterrà tutte le attività dei firmatari.

oto dei partecipanti al tavolo di lavoro al Ministero dell’Ambiente. In primo piano a sinistra Sergio Bergnach (Fondazione Dolomiti UNESCO), Valentina Colleselli (Se.Am.) e sullo sfondo, in piedi da destra Flavio Roda (Presidente FISI), il Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti, Francesco Giusto (Comune di Cortina) e Chiara Caliceti (Cortina Marketing).

I partecipanti al tavolo di lavoro al Ministero dell’Ambiente. In primo piano a sinistra Sergio Bergnach (Fondazione Dolomiti UNESCO), Valentina Colleselli (Se.Am.) e sullo sfondo, in piedi da destra Flavio Roda (Presidente FISI), il Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti, Francesco Giusto (Comune di Cortina) e Chiara Caliceti (Cortina Marketing).

La Carta, siglata il 24 gennaio scorso,  è il documento con il quale la Regina delle Dolomiti si impegna nella tutela del territorio, riducendo l’impatto ambientale in occasione dei grandi eventi sportivi invernali, in vista dei Mondiali 2021.  L’obiettivo è rafforzare un modello di sviluppo turistico green oriented fondato sull’efficienza nell’uso delle risorse come acqua e suolo, sulla limitazione delle emissioni di gas serra e dei costi energetici. Tra i firmatari, a parte il Comune di Cortina e il ministero, la Regione Veneto, la Fondazione 2021, il Coni, la Fisi (federazione italiana sport invernali), l’anci (associazione nazionale comuni italiani), la Fondazione Dolomiti Unesco, l’Anef (associazione nazionale esercenti funiviari) e l’associazione sprecozero.net.  

Alla riunione, come esponenti del Comune di Cortina d’Ampezzo hanno partecipato Francesco Giusto (Portavoce del Sindaco Andrea Franceschi), Valentina Colleselli (Cda Se.Am.) e Chiara Caliceti (organizzatrice, di Cortina Marketing). Secondo il sindaco di Cortina, Andrea Franceschi «l’incontro a Roma aveva l’obiettivo di ragionare sui contenuti e sul percorso da intraprendere per dare un seguito all’impegno sottoscritto e credo che ci siano tutti i presupposti per portare avanti un progetto di qualità per il futuro dell’ambiente di Cortina, non solo in occasione degli eventi sportivi invernali e in vista dei Mondiali 2021».

Marco de’ Francesco

Puoi leggere anche

Copyright © 2016 CortinaSki2021 | Media Accelerator | Partita IVA: 02906890211Policy Privacy e Cookie