Menu

Cortina, sessant’anni fa l’apertura delle Olimpiadi: il Coni torna sulle Dolomiti

Pubblicato il 26 gennaio 2016 in Cronaca

zeno_colo_fiamma_olimpica_cortina  

Una giunta nazionale del Coni nella Regina delle Dolomiti. La numero 1.042 da quando l’ente è stato istituito, e per la seconda volta nel Bellunese: la prima volta accadde il 29 gennaio 1954. È che si tratta di un’occasione speciale.

Il Coni, nella sede del locale consiglio comunale, ha celebrato le olimpiadi del 1956: il presidente Giovanni Malagò ha infatti ricordato che proprio il 26 gennaio di sessanta anni fa si tenne la cerimonia di apertura dei giochi invernali, i primi in Italia. Peraltro, ieri sera il Coni ha tenuto, allo storico sci club di Cortina, una pre-celebrazione: con un filmato della Rai (che trasmise per la prima volta in diretta la rassegna olimpica) con l’ex sciatrice Giuliana Minuzzo prima protagonista del giuramento degli atleti e poi dei rimpianti per gare segnate dalla sfortuna: non riuscì però a conquistare alcuna medaglia a Cortina. 

Ma a Cortina 1956 l’Italia conquistò tre medaglie nel bob, di cui una d’oro (Giacomo Conti e Lamberto Dalla Costa). Ad aprire i Giochi fu il presidente della Repubblica, Giovanni Gronchi. Secondo Malagò «Cortina fu l’Olimpiade in cui si fece conoscere Eugenio Monti, che successivamente vinse il Premio De Coubertin del Cio per un gesto di fair play encomiabile. L’oro lo vinse anni dopo ma a Cortina iniziò la sua favola a cinque cerchi. Questo anniversario capita in un momento particolarmente felice per gli azzurri degli sport invernali e degli sport del ghiaccio, grazie a un percorso condiviso di grande prospettiva. Cortina sta lavorando per i Mondiali del 2021, sono sicuro che la celebrazione di queste ore costituirà il preludio di un futuro all’altezza delle capacità e delle bellezze che questa città sa esprimere».

Puoi leggere anche

Copyright © 2016 CortinaSki2021 | Media Accelerator | Partita IVA: 02906890211Policy Privacy e Cookie