Menu

Gli azzurri si perdono in Badia. E rivince Hirscher

Pubblicato il 21 dicembre 2015 in Sport

Marcel Hirscher  
LA VILLA

Una volta questa era la pista dei padroni di casa. Uno dei due giganti più difficili al mondo (assieme ad Adelboden) parlava solo italiano e non solo con la cadenza inconfondibile di Alberto Tomba, vincitore sulla mitica Gran Risa per ben 4 volte. Pramotton, Blardone, Simoncelli: un totale di 9 vittorie e 23 podi azzurri su 30 tentativi, visto che proprio ieri si celebrava il trentennale della ormai tradizionale gara organizzata da Marcello Varallo. A quattro anni di distanza dall’ultimo acuto (di Max Blardone, che ieri ha annunciato il ritiro a fine stagione), l’Italia si deve accontentare degli anonimi piazzamenti di Roberto Nani (11esimo), Florian Eisath (13esimi) e dell’eterno Manfred Moelgg (15esimo), apparso in netta ripresa anche in questa disciplina dopo il grave infortunio della scorsa stagione.

Azzurri: il ricambio generazionale tarda

Onestamente, non può bastare: il ricambio generazionale tarda (ieri ha esordito su questa pista il promettente Tonetti, peccato abbia già 26 anni), e dietro i giovani faticano a spingere. Alla fine vince ancora una volta Hirscher, come nelle ultime stagioni: l’austriaco, che sta approfittando del calo del dominatore assoluto delle scorse annate Ted Ligety, ha recuperato nella seconda manche il distacco dal francese Muffat-Jeandet raggiungendo così Tomba come numero di vittorie in gigante sulla Gran Risa. Dietro a lui il giovane norvegese Kristoffersen, competitivo anche in gigante. In classifica generale Hirscher si riprende la leadership (540 punti) risorpassando Svindal (520), staccati di oltre duecento punti Jansrud e Kristoffersen.

Attesa per l’inedito Gigante parallelo

Il prossimo appuntamento è per questa sera (lunedì 21 dicembre ore 17.45, diretta Rai Sport HD), con l’inedito gigante parallelo sempre sulla Gran Risa: tra gli atleti, come sempre molto conservatori, c’è più scetticismo che curiosità per una gara che si preannuncia spettacolare e televisiva ma senza dubbio meno tecnica.

Andrea Saule

Copyright © 2016 CortinaSki2021 | Media Accelerator | Partita IVA: 02906890211Policy Privacy e Cookie