Menu

How do you Fill? Il racconto di Peter dopo la conquista della Coppa del Mondo

Pubblicato il 17 marzo 2016 in Discesa Libera, Sport

Peter Fill Coppa  

Conquistare una coppa del mondo è un’impresa. Raggiungerla al fotofinish, solo all’ultima gara, rende la vittoria ancora più bella. È un Peter Fill ancora che ancora deve metabolizzare le emozioni quello che si racconta ad alcuni tifosi dopo il successo nella Coppa del Mondo di discesa, arrivata al termine di una stagione decisa solo all’ultimo atto di St. Moritz. «Non mi sono reso conto subito di quello che avevo fatto – racconta Peter – perchè la situazione era complicata di per sè. Quando sono arrivato al parterre mi si sono avvicinati altri atleti per complimentarsi e ho capito di avere portato a compimento la missione».

“Me la merito, sono sempre stato costante”

La costanza è stata la chiave del successo dello sciatore altoatesino, originario di Castelrotto. «È stata una stagione difficile, con tante situazioni complicate – racconta Peter Fill – sono orgoglioso di avercela fatta. Sa la sarebbero meritata anche Svindal e Paris, purtroppo si sono fatti male ma questo è lo sport, ci vuole un po’ di fortuna e l’ho finalmente avuta. Sono stato regolare per tutta la stagione, penso di essermela meritata».

Paris: “Ci riproverò l’anno prossimo”

Se c’è chi con l’umore sale fino alle stelle, c’è chi invece scende in basso. Trattandosi di discesa, il paragone sembra azzeccato. Dominik Paris fa buon viso a cattivo gioco nella giornata più dura della stagione, in cui non è riuscito a dare il massimo delle proprie potenzialità nonostante fosse probabilmente l’uomo più in forma della velocità in queste settimane: «Ho provato a fare quello che potevo in queste condizioni, le terapie purtroppo non sono bastate, però non posso rimproverarmi nulla, almeno ci ho provato. Mi tengo stretto il terzo posto finale, ci riproverò l’anno prossimo».

Flavio Roda: “Complimenti anche a tutta la squadra”

La vittoria di Fill arriva la vigilia di una giornata speciale per l’Italia, che oggi, 17 marzo 2016, festeggia i 155 anni di Unità. Il presidente della Fisi Flavio Roda, presente nel parterre per tifare Italia, fa i complimenti al vincitore: «Non era certamente facile vincere questo trofeo e Fill se lo merita perchè la coppa corona una carriera che gli aveva regalato già tante soddisfazioni. Sono sicuro che sarà al top ancora a lungo e coglierà altri importanti piazzamenti. È stato molto bravo anche lo staff che ha sostenuto tutta una squadra che è ai vertici mondiali da anni». Fra le telefonate di congratulazione giunte a fine gara a Fill ci sono state quelle del presidente del Consiglio dei Ministri Matteo Renzi e del presidente Coni Giovanni Malagò.

Related Post

Puoi leggere anche

Copyright © 2016 CortinaSki2021 | Media Accelerator | Partita IVA: 02906890211Policy Privacy e Cookie