Menu

La montagna attraverso i libri: al via il concorso “Premio Cortina d’Ampezzo”

Pubblicato il 15 aprile 2016 in Agenda

premio_cortina  

CORTINA D’AMPEZZO – Ai vincitori, 2mila euro e occhiali progettati da un giovane designer italiano. Inoltre, saranno loro dedicati pini cembri, gli “alberi delle parole”, che peraltro dovranno piantare loro stessi, il giorno dopo quello della proclamazione. I vincitori saranno due: uno per la categoria “Il premio Cortina d’Ampezzo”, attribuito all’autore dell’opera di narrativa italiana ritenuta, dalla giuria, la più meritevole; l’altro per il “Premio della montagna di Cortina d’Ampezzo”, conferito al romanzo, saggio o libro illustrato che faccia riferimento, anche per l’ambientazione, alla montagna. È la sesta edizione del “Premio Cortina d’Ampezzo”, riconoscimento letterario dedicato alla Regina delle Dolomiti e organizzato dalla kermesse letteraria “Una montagna di libri”. La competizione culminerà nella finale di giovedì 25 agosto, con l’annuncio dei vincitori delle due categorie.

Si potrà concorrere dal 18 aprile al 18 maggio 2016

Gli organizzatori spiegano che «la mattina seguente farà seguito alla cerimonia una speciale passeggiata letteraria alle Cinque Torri di Cortina, nel territorio del Parco Naturale delle Dolomiti d’Ampezzo», dove saranno piantati i due alberi. Due le giurie, con presidenti di eccellenza: Arturo Ferrari e Arrigo Petacco. Le opere devono essere state pubblicate dal primo gennaio al 18 aprile. Si legge che «Ogni casa editrice italiana può proporre a ciascuno dei membri della Giuria una sola opera per ciascuna delle due categorie. Il periodo utile per concorrere va dal 18 aprile 2016 al 18 maggio 2016. La casa editrice segnalerà la propria proposta all’organizzazione del Premio, attraverso l’indirizzo mail info@premiocortina.it».

Organizzatore di “Una montagna di libri” è Francesco Chiamulera; presidenti onorari Vera Slepoj e Alberto Sinigaglia. Le due giurie hanno incoronato nel 2015 Edoardo Nesi, con il romanzo “L’estate infinita” (Bompiani), e Stefano Ardito, con “Alpi di Guerra, Alpi di Pace” (Corbaccio).

Marco de’ Francesco

Related Post

Copyright © 2016 CortinaSki2021 | Media Accelerator | Partita IVA: 02906890211Policy Privacy e Cookie