Menu

WinterRace, vince l’equipaggio Canè-Galliani

Pubblicato il 6 marzo 2017 in Cronaca, Sport, Turismo

WinterRace  

L’aveva già spuntata nel 2013, e quest’anno si è ripetuto. L’equipaggio Giuliano Canè – Lucia Galliani a bordo di una Lancia Aprilia del 1938 ha conquistato il podio più alto della WinterRace, gara di regolarità per auto storiche organizzata da Alte Sfere con l’approvazione di Aci Sport e il  patrocinio del Senato della Repubblica, dei Comuni di Cortina d’Ampezzo e Moena e dell’Automobile Club di Treviso.  La due-giorni, sabato e domenica, si è svolta su un percorso di 350 chilometri: otto passi dolomitici, 60 prove cronometrate, quattro sfide a velocità media imposta, sei controlli orari e due a timbro.

Secondi, con 36 penalità di differenza, l’equipaggio Sisti-Gualandi su Lancia Aprilia del 1937 e terzi a soli 9 penalità, Piona- Battagliola su Austin Healey 100 BN1 del 1955. I vincitori si sono portati a casa un lingotto d’oro di 100 grammi, del valore di 3.500 euro, messo in palio dal main sponsor BSI (private bank svizzera appartenente al Gruppo EFG International). Quanto alle categorie «Under 40» e a quella relativa alla 2nd Porsche WinteRace,  i giovani Gaggioli-Pierini su Lancia Fulvia Coupé del 1975 si confermano i più «regolari» tra i junior, mentre tra i porschisti si confermano primi Cicotti-Prata su Porsche 911 SC del 1978. Il brand svizzero di orologeria Girard-Perregaux ha premiato i giovani vincitori con un cronografo. Ai vincitori della 2nd Porsche WinterRace, un modellino da collezione «Porsche 919 Hybrid».

«WinterRace perfetta» secondo il comitato organizzatore

Sabato 4 e domenica 5 marzo se la sono giocata 58 equipaggi suddivisi in sei raggruppamenti più 12 equipaggi iscritti alla Porsche WinteRace. Partenze sempre da Cortina d’Ampezzo; d’altra parte, anche le premiazioni si sono tenute nella Regina delle Dolomiti. Secondo Rossella Labate, presidente del comitato organizzatore «anche questa quinta edizione ha riservato delle sorprese. I nostri equipaggi si sono sfidati fino all’ultima prova, regalando a tutti belle emozioni. Il meteo ci è stato favorevole e ha permesso ai partecipanti di godersi il meraviglioso panorama dolomitico, sia sotto il sole, sia sotto la neve. Professionalità, abilità, passione, ancora una volta questi ingredienti si sono mischiati dando vita ad una perfetta gara di regolarità».

Marco de’ Francesco

Related Post

Puoi leggere anche

Copyright © 2016 CortinaSki2021 | Media Accelerator | Partita IVA: 02906890211Policy Privacy e Cookie